New to site?


Login

Lost password? (X)

Already have an account?


Signup

(X)

La Camera Obscura

ANTEPRIMA VOGHERA FOTOGRAFIA

La stanza delle meraviglie: nasce a Voghera la prima “Camera Obscura” stabile in Italia.

La seconda edizione di Voghera Fotografia che aprirà i battenti dal 14 settembre al 6 ottobre 2019, presenta una doppia e affascinante anteprima: la prima “Camera Obscura” stabile esistente in Italia, e la mostra-progetto, anch’esso permanente, “Città senza tempo” di Beppe Bolchi.
Il progetto è ideato da Beppe Bolchi per Spazio 53 in collaborazione con il Comune di Voghera e realizzata al piano nobile nella torre nord-ovest del Castello Visconteo.

La Camera Obscura si avvale del foro stenopeico (pin-hole) perfezionato e descritto nel Codice Atlantico da Leonardo da Vinci e utilizzato da Isaac Newton per le ricerche sulla prospettiva. Nella stanza della torre nord-ovest del Castello che ospita la Camera Obscura si potrà vedere proiettata, sulla parete opposta al foro stenopeico, l’immagine nitida, seppur capovolta, della cupola del Duomo di Voghera e dei giardini e dei palazzi antistanti al Castello Visconteo.
Un nuovo modo di vedere e di conoscere la realtà con una tecnica antica, una visione magica che farà conoscere la storia e permetterà a tutti di trovarsi all’interno di una primordiale macchina fotografica.

Un appuntamento da non mancare non solo per i bambini, per i quali entrare nella Camera Obscura sarà un’esperienza magica come nelle fiabe, ma anche per gli adulti e gli appassionati di fotografia, che riconoscono l’importanza degli studi sui raggi luminosi e sulle teorie sulla luce e, soprattutto, nella Camera Obscura l’antesignana della macchina fotografica.

CITTÀ SENZA TEMPO
Nella “Galleria dei Feudi” che collega le due torri del Castello e anch’esso in maniera permanente, è esposta la mostra-progetto “Città senza Tempo”.
Il Paesaggio urbano attraverso la Fotografia a Foro Stenopeico del fotografo e docente Beppe Bolchi.
Le “Città senza Tempo” di Beppe Bolchi sono paesaggi urbani di un racconto autobiografico tra Italia, Germania, Inghilterra, Stati Uniti, Francia e Scozia caratterizzati dall’assenza totale dell’uomo, del quale se ne percepisce solamente la presenza, il passaggio, ma senza essere mai rappresentato.
La mostra “Città senza Tempo”, che si avvale delle pareti fotografiche a scomposizione del sistema allestitivo photoSHOWall che rompono l’univocità dell’immagine originaria, è un progetto di grande importanza culturale perchè realizzato con la fotografia a foro stenopeico, che con i suoi lunghi tempi di posa fa sì che la città venga a rappresentarsi nella sua realtà, con prospettive naturali che rendono l’atmosfera quasi onirica

Inaugurazione: sabato 11 maggio – ore 11.00
Domenica 12 maggio ore 10-12; 16-18
Domenica 19 maggio ore 10-12:
Venerdì 31 maggio ore 10-12; 16-18
Sabato 1 e domenica 2 giugno ore 10-12; 16-18
Domenica 16 giugno 10-12

Le date di apertura da settembre in avanti saranno comunicate successivamente
Per info: tel. 335 6356357 – 347 3253040